PROGETTO AGRICOLO “LA MADONNETTA”: acetosa, zucchine, trapiantatore salvaschiena

Inauguriamo la stagione dei trapianti!
Le baby zucchine sono pronte per uscire dalla calda serra incubatrice per affrontare le notti ancora fresche di questo imprevedibile aprile.

IMG_20170424_120035.jpg

 

E da bravi genitori-contadini, non manchiamo di rimboccare con una calda coperta di paglia questi giovani germogli cotiledonosi!

IMG_20170424_130320.jpg

 

E per far crescere al meglio le zucchine, abbiamo fornito loro degli ottimi amici: piselli e cipolle, buona consociazione per queste piccole cucurbitacee.
Le piantine sono state piantate in un’interfila tra piselli e cipolle, chissà che diventino buone compagne e si aiutino a vicenda!

IMG_20170424_130311.jpg
pacciamatura di paglia per le baby zucchine tra filari di cipolle e piselli (sono visibili i tutori)

 

Con tutto questo altruismo, non potreva mancare un po’ di sano egoismo: inauguriamo il trapiantatore salvaschiena che ci permette di trapiantare senza chinarsi! Si tratta di un tubo cavo con punta apribile. Si conficca nel terreno, si infila la piantina nel tubo, questa scende a terra, si apre la punta tirando una leva e si solleva l’attrezzo: et voilà! Un ultimo assestamento del terreno con il piede e il gioco è fatto. La schiena ringrazia.

IMG_20170424_115847.jpg

 

Le piantine provengono dal semenzaio autoprodotto con bancali, nonostante le gelate le piantine si sono trovate molto bene! Abbiamo mescolato compost e terriccio, non pressando troppo. Il risultato è ottimo: le piantine si estraggono facilmente, le radici non si sono attorcigliate e sono di un sanissimo colore bianco.

IMG_20170424_115319.jpg

 

Ma ecco l’innovazione delle innovazioni! Ce l’ha insegnata Francesco Badalini, che terrà fra poco un corso di permacultura, agricoltura sinergica e rigenerativa nel nostro campo ( https://www.facebook.com/events/199435893898165/): emina di erbe spontanee in campo tra gli ortaggi. Visitando con lui l’orto ci ha fatto notare che le fave cominciavano a essere infestate dagli afidi. Ci ha quindi consigliato la semina di piate trappola per questo insetto: acetosa e artemisia. Non essendoci però presi per tempo abbiamo provato un trapianto di acetosa. Non è stato facile perchè quest’erba ha una radice fittonante di 40 cm e abbiamo dovuto scavare molto in profondità per non danneggiarla. E per il trapianto abbiamo scavato altrettanto profondo…speriamo che le piante si adattino bene e si riprendano, vi aggiorneremo a proposito.

IMG_20170424_112938
acetosa
IMG_20170424_112957
acetosa accanto alle fave
IMG_20170426_072217
acetosa: trappola per gli afidi

ciao ciao! la vostra inviata: la locusta

IMG_20170424_124340

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...